Home Canalizzazione? I nostri canalizzatori Chi siamo Contact


Home > Italiano > UN'ESPERIENZA DI PRE-MORTE

UN'ESPERIENZA DI PRE-MORTE CON UNA VISIONE DEL 2012

Martha St. Claire
Mentre facevo delle ricerche sulle esperienze di pre-morte e sul 2012, mi sono imbattuto in questo racconto di una persona di nome Cassandra Musgrave. Ci parla di un'esperienza di pre-morte che ebbe circa 40 anni fa, nel 1974. Ho pensato che fosse interessante perché conferma molte cose che abbiamo letto nelle canalizzazioni, come il Piano Divino per Madre Terra, il significato dell'anno 2012 e di come avverrà il cambiamento.

Come accade spesso, queste predizioni non si sono dimostrate esattamente corrette perché, come ci spiegano le fonti canalizzate, ci sono molte linee temporali e nessuno sa quale sarà quella definitiva. Dipende dalle nostre azioni e da quelle degli altri. Particolarmente grazie alla Federazione Galattica che ha ridotto gli effetti dei cambiamenti Terrestri, non si sono verificate cose come lo spostamento dei poli ed è improbabile che accadano nel prossimo futuro. Ma in generale, questo racconto dà una conferma alquanto accurata delle cose che sentiamo dagli esseri canalizzati.

ed oltre a questo, è un meraviglioso racconto di amore e di compassione :)

Le persone che hanno un'esperienza di pre-morte spesso ritornano con una visione della vita totalmente differente. Cassandra non fa accezione. Ha cambiato il suo nome in Martha St. Claire ed ora lavora come consigliere spirituale e guaritrice energetica, fra le altre cose.

Questo è il racconto della sua esperienza vicina alla morte:

Nel 1974 mentre praticava lo sci d'acqua con degli amici fece l'ultimo giro della giornata. Il mare era agitato, così mosso che dovette lasciar andare della corda. Mentre cadeva, essa si arrotolò attorno al suo avambraccio, tirandola sott'acqua. Il suo ragazzo stava guidando la barca, chiacchierando e bevendo birra con il suo amico. Non notarono che Cassandra era sott'acqua. Non cedette al panico, ma ebbe dei pensieri come:” questo è un problema. Stavolta ci lascio la pelle. Se muoio mia madre ce l'avrà con me.”

Mentre lottava per trattenere il respiro, si sentì sollevata in aria e tuttavia vedeva il suo corpo proprio sotto la superficie dell'acqua, che veniva trascinato ad alta velocità. Vide i due uomini che chiacchieravano nella barca, ignari di ciò che le stava accadendo. Vide suo figlio di tre anni giocare sulla spiaggia. Cassandra venne risucchiata in un tunnel dove poteva udire fruscii e ticchettii. Viaggiò veloce verso la luce dall'altra parte, emozionata, sentendo che stava andando in un luogo dove era già stata. Sbucò in un posto dove c'erano fiori dappertutto, coloratissimi e meravigliosi. Poi si ritrovò circondata dall'universo, in una galassia con stelle tutt'attorno. Sebbene non percepisse niente di solido sotto i piedi, sentì che stava in piedi su qualcosa.

Melchizedek le si avvicinò. Non si presentò ma lei lo riconobbe e seppe che lo conosceva da sempre. Nella luce meravigliosa che sembrava amore liquido, Cassandra era al suo meglio. Disse”Mi sentii libera. Era meraviglioso vederlo!”

Melchizedek portava la barba, era alto più di 2 metri e mezzo, indossava una ricca veste color verde bosco, amaranto e oro ed un copricapo simile ad un turbante. Comunicavano tramite il pensiero. Egli disse:”Sei pronta a venire?”

Ella esclamò, “di già?” Sentì che aveva già fatto con lui un contratto od un accordo. Sapeva che non era il suo tempo di morire, che non aveva completato tutto ciò che si era impegnata a fare. Capì che le persone sulla Terra avevano scelto la Terra, i loro genitori, il tempo da passarvi, le lezioni da imparare e che la loro situazione era predisposta per la crescita di ciascuno. Comprese che non siamo vittime come pensiamo di essere; tuttavia, ci vuole un grande coraggio a nascere sulla Terra in questo periodo. Soprattutto, lei capì che ci veniva dato il libero arbitrio.

Sebbene Melchizedek le avesse detto che era accettabile che non tornasse sulla Terra, fu presa dal panico all'idea di non tornare. Le sembrava di aver fallito sulla Terra, di aver fatto fiasco.

Melchizedek disse “noi non la vediamo in questo modo”.

Disse che voleva ritornare perché aveva dell'altro da fare. Venne portata verso un confine, sapeva che se lo avesse superato non avrebbe potuto ritornare sulla Terra. Alla sua destra, distante, vide un entrata, come di una caverna, raggiante di luce, che portava in un'altra dimensione dove le persone studiavano ed imparavano molte nozioni.

Parlando di quella dimensione, disse”in quel posto, si conosce tutto”.

In un'altra direzione, vide delle costruzioni di cristallo o dei templi con intelaiature d'oro.

Vide che la Terra era un posto difficile su cui stare in quel momento, ma esisteva il Piano Divino e le cose alla fine sarebbero andate a posto. Il periodo di 20 anni che intercorre fra il 1992 ed il 2012 è un tempo di grande cambiamento Terrestre in preparazione dell'alba del Millennio.

Capì che Madre Terra è viva, che flussi di luce vengono inviati per aiutarla a guarire perché Ella soffre per l'inquinamento al quale è esposta e l'aumento della luce causa strani effetti atmosferici. Vide terremoti più frequenti, grandi ondate, uno spostamento dei poli ed i ghiacciai rompersi e sciogliersi. Vide la superficie della Terra cambiare, molte persone morire, spesso in grandi numeri,perché non erano in grado di sopportare la luce e le sue conseguenze. Scelsero pertanto di morire perché le loro anime necessitavano di proseguire la crescita in altre sfere. Vide anche delle persone che si erano preparate spiritualmente e che venivano protette, mentre gli altri attorno morivano. Vide tre giorni d'oscurità. Capì anche che le catastrofi potrebbero essere attenuate o ritardate tramite il potere della preghiera.

Dice che soffriamo di amnesia spirituale, avendo dimenticato la conoscenza che avevamo prima della nascita; Esiste una coscienza superiore per ciascuno di noi ed è importante che ci connettiamo con Dio attraverso la preghiera e la meditazione, per venir risvegliati. Per lei la preghiera è parlare con Dio e la meditazione è ascoltarLo.

Melchizedek mostrò a Cassandra cosa sarebbe accaduto se avesse scelto di morire. Vide il suo corpo portato a riva mentre le veniva praticata la respirazione bocca-a-bocca senza successo. Il suo ragazzo stava piangendo e seppe che si sarebbe sentito colpevole per il resto della vita. Vide suo figlio e seppe che ancora non poteva lasciarlo. Non volle far soffrire nessuno per la sua morte prematura e poiché aveva del lavoro spirituale da compiere scelse di tornare sulla Terra.

Cassandra si ritrovò di nuovo nel suo corpo che aveva una sua propria volontà. In preda al panico e piena di paura, tossendo e sputando, riemerse dietro la barca ferma e gridò “idioti, non vedete che sto annegando?”

Quando raggiunsero la spiaggia, suo figlio disse “Per che cosa ti ci è voluto così tanto, mamma? Ho pensato che non saresti più tornata.”

Si rese conto che in qualche modo egli era consapevole di qualcosa ben al di là del semplice giro da 10 minuti attorno al lago.

Dopo la sua esperienza di pre-morte, l'energia rimase con lei per un po' e poteva vedere l'aura attorno alle persone. Non ne parlò molto perché gli altri si sentivano a disagio a sentire il suo racconto e non capivano. Il desiderio di ritrovare lo spirito divino che aveva percepito durante la sua esperienza, la portò nei seguenti vent'anni a fare un viaggio interiore di studio spirituale che incluse anche una formazione ministeriale tramite la Unity Church (la Chiesa di Unità).



Questo è il video di Martha che racconta la sua storia:




Traduzione: Laura

Share |


Galactic Channelings

Create Your Badge